Come Mantenersi con 600 Euro al Mese

Mantenersi oggi è sempre più dispendioso e, con i continui aumenti dei prezzi, arrivare alla fine del mese diventa molto critico. Oggi ho un lavoro fisso e guadagno anche relativamente bene ma non è stato sempre cosi; come un un pò tutti ho passato momenti bui e ho vissuto un periodo in cui non ho dovuto stringere la cinghia ma ho dovuto proprio toglerla.

Più che una guida questa la ritengo una serie di consigli utili per chi, come me, si trovasse ad affrontate una situazione (momentanea) analoga. Per prima cosa precisiamo che non pago affitto di casa e questo è già un gran bel vantaggio quindi i 600 euro dobbiamo ritenerli ”puliti”. Il segreto per campare con 600 euro al mese sta innanzitutto nel calcolare le spese settimanali sapendo che potete spendere fino ad un massimo di 140 euro. Ora facendo una spesa mirata e spendendo nei posti giusti si riesce se non altro a tirare fino alla fine del mese in maniera dignitosa. Certo ogni fabbisogno e ogni situazione è soggettiva, quindi ad alcuni questa modesta guida potrà sembrare del tutto inutile; consiglio comunque di leggerla ugualmente, magari troverete uno spunto.

Spesa alimentare: cercate sempre catene di negozi che applicano sconti, eventualmente fatevi rilasciare la carta fedeltà che permette di usufruire di sconti maggiorati su determinati prodotti. Acquistate sempre frutta e verdura di stagione nei mercatini rionali o, meglio ancora, nei mercati all’ingrosso. Inoltre ci riempiono le cassette postali con miriadi di volantini pubblicitari di negozi di tutti i tipi; dal momento che dobbiamo prelevarli dalla cassetta per cestinarli prima diamogli quantomeno un’occhiata. Inoltre è sempre bene acquistare ad esmpio la carne direttamente in macelleria piuttosto che nei grandi centri di distribuzione dove è già pesata e confezionata. In macelleria scegliete voi la quantità e quindi il peso e chiaramente il costo. Inoltre se siete clienti potete spuntare uno sconticino che non fa mai male.

Carburante: fate sempre rifornimento nei distributori che applicano sconti aggiuntivi negli orari di chiusura quando sono attivi per l’appunto i self service ( es. Agip che applica una riduzione di 6 cent al litro) oppure, in alternativa, nei self service posti all’interno dei centri commerciali (che applicano un prezzo sempre inferiore proprio perchè facenti parte del centro commerciale).

Spese di casa: in questa categoria inserirei le spese delle bollette bimestrali e quindi luce, acqua e gas. Personalmente ho acquistato a suo tempo una serie di lampadine a basso consumo energetico ( della IMPLUX, costo 2,50 euro l’una) con le quali mi sono trovato molto bene. Le ho cambiate in tutta la casa persino nella specchiera in bagno e sui comodini in camera da letto. Oggi pago 20 euro circa a bimestre e siccome (almeno l’Enel gli altri non so) inviano fattura zero se il consumo non raggiunge almeno 40 euro pago la bolletta un bimestre si e l’alto no. Inoltre è da tener presente che avendo la bambina che passa da una stanza all’altra ho le luci accese in maniera continua in almeno 3 stanze da quando cala il sole fino alla mezzanotte orario in cui andiamo a dormire. La spesa dell’acqua è relativa in quanto ogni famiglia ha a disposizione un tot di metri cubi e si paga soltanto se si va in eccedenza, cioè se si superano i metri cubi concessi. Personalmente noi superiamo di poco la soglia e paghiamo quindi delle bollette irrisorie. Anche per quanto riguarda l’acqua è sempre consigliabile evitare gli sprechi ad esempio quando si lavano i piatti evitate di tenere aperta l’acqua mentre insaponate. Stesso discorso vale per quando ci laviamo o ci facciamo la doccia. Può sembrare sciocco ma lasciare aperto il rubinetto anche soltanto 5 minuti nell’arco della giornata moltiplicato per 30 giorni diventano 150 minuti, quindi in 2 mesi saranno ben 5 ore che equivalgono a chissà quanti metri cubi di acqua che abbiamo sprecato. Il gas è la nota più dolente in quanto in periodi come questo in cui il freddo si fa sentire, tra acqua calda e termosifoni le bollette arrivano sempre esose. Anche qui come nei precedenti casi possiamo limitare i danni osservando piccoli ma preziosi accorgimenti. Innanzitutto se avete una casa piccola potete regolare il termostato al minimo; chiudendo le finestre e lasciando i termosifoni accesi 3 ore a sera avrete la casa calda. E’ del tutto inutile impostare il termostato a 8 oppure a 10 in quanto già al minimo la temperatura dell’acqua presente all’interno dei termosifoni raggiunge una temperatura di 70 gadi e quindi la temperatura che si crea nell’ambiente è già accettabile.
In alternativa potete acquistare una stufa a gas di quelle che prevedono la bombola in quanto a parte il fatto che oggi sono ipersicure permettono di risparmiare e quando la bombola sarà finita sapete che al massimo spenderete 40 euro per l’acquisto della nuova bombola e non dovrete mettervi seduti prima di aprire la bolletta per evitare di svenire.

Spese accessorie: per spese accessorie il vestiario; anche qui ce n’è per tutti i gusti dall’atelier al negozietto che vende abiti a buon mercato, il segreto è individuare per tempo (cioè non all’ultimo minuto) quello che fa al caso nostro. Se prevediamo che ci serve un giubbotto perchè tra qualche settimane potrebbe arrivare il freddo, non riduciamoci ad effettuare l’acquisto il giorno prima altrimenti rischiamo di non trovare un capo che rispecchi il nostro budget. Magari una settimana prima ne avete visto uno sul quale applicavano uno sconto e non l’avete preso perchè ”al momento” non pensavate potesse servirvi. Per quanto riguardano le spese per eventuali bimbi la loro salute non ha prezzo e quindi priviamoci noi di qualcosa per dare loro cio di cui hanno bisogno almeno sul lato economico della faccenda; su quello morale non ho dubbi sul fatto che nessuno di voi faccia mancare cio’ di cui un figlio ha bisogno, amore e serenità. Questo è un argomento sul quale non ci sono consigli che io ne nessuno può darvi. Posso solo dire che sono un fumatore e nel periodo buio che ho passato ho smesso di fumare perchè i soldi spesi (in fumo) per le sigarette li ho potuti destinare ai fabbisogni di mia figlia. Questi sono soltanto dei consigli che ho avuto modo di elaborare durante un periodo nero che comunque è durato relativamente poco. Spero che possa tornarvi utile o quantomeno possa darvi qualche spunto o qualche idea. Auguro comunque a tutti di trovare presto una situazione stabile in una società oggi molto difficile per tutti.